architect: Moreau Kusunoki Architectes

location: Helsinki

Nicolas Moreau e Hiroko Kusunoki, coppia nella vita e fondatori dello studio Moreau Kusunoki Architectes sono i vincitori del Guggenheim Helsinki Design Competition . Hiroko è  nata in Giappone e laureata presso Shibaura Institute of Technology di Tokyo, mentre Nicolas presso l’ Ecole Nationale d’Architecture de Belleville di Parigi. Prima di fondare il loro studio parigino nel 2011, hanno entrambi avuto esperienze professionali a Tokyo, dove hanno potuto apprendere l'arte della costruzione da Shigeru Ban, la ricerca programmatica e spaziale nello studio di SANAA e la sensibilità per i materiali di Kengo Kuma.

Il museo proposto si compone di molteplici ed ampi padiglioni e una torre sormontata da vetro. Edifici completamente rivestiti di legno carbonizzato e collegati da spazi aperti, confluenti nello spazio della città. L’influenza della cultura giapponese è visibile in tutti i vari aspetti del progetto:  dalla ricerca dei dettagli alla relazione con l'ambiente circostante. L’aspetto che maggiormente identifica l’approccio filosofico di Moreau Kusunoki Architects è il concetto di "in-between",  traducibile in giapponese con il termine ma. Tra due edifici, il ma è lo spazio della possibilità, dove la vita è invitata a svolgersi. Per il Guggenheim Helsinki questi luoghi sono rappresentati dagli spazi interstiziali di circolazione, che uniscono e separano le sale espositive. L'appropriazione della ma da parte degli utenti è secondo i progettisti, il segno del successo di un edificio.

"Il nostro lavoro è destinato ad essere un lavoro senza tempo, dentro il quale instaurare un dialogo con il passato e costruire legami con il futuro, creando una sensazione di intimità ... La domanda più importante che ci siamo rivolti durante la progettazione è stata: come possiamo rendere il museo trasparente? Come possiamo creare porosità tra il museo e il territorio circostante per permettere un flusso libero e continuo di visitatori nell’area? Questi i nostri principali obiettivi.  Inoltre, visto che l’area si affaccia sul mare, ciò che volevamo evitare era la creazione di uno spazio sotterraneo.  Di conseguenza, le aree operative del museo sono necessariamente situate al piano terra. Abbiamo deciso di integrare queste zone con l'esperienza del visitatore. " Infatti l'apertura, la trasparenza del piano terra e gli spazi di circolazione tra le strutture sono concepiti per creare un dialogo diretto con i negozi, i mercati e i musei circostanti. "... Possiamo immaginare di generare una ricca vitalità attorno al museo. Il carattere del piano terra è la chiave del nostro progetto in relazione col contesto urbano. Abbiamo voluto lasciare lo spazio in-between quanto più indefinito possibile. Nelle nostre piante, abbiamo solo indicato una scala immaginaria e la distanza che abbiamo stimato essere adeguata ... "

Un altro aspetto importante sul quale gli architetti si sono focalizzati è sicuramente il rapporto con la cultura finlandese attraverso l'uso di materiali locali. "E 'stato del tutto naturale rispecchiare nel nostro progetto, le tradizioni e la cultura finlandese. Le costruzioni vernacolari sono molto interessanti, dal momento che molte di loro sono ancora ben integrate nel contesto finlandese. Abbiamo voluto unire metodi di costruzione tradizionali con l’architettura contemporanea, ad esempio con il legno carbonizzato per la facciata ... L’utilizzo di questo tipo di legno è fortemente ancorato alle costruzioni tradizionali finlandesi in legno. Vi è anche una cultura di legno carbonizzato in Giappone, chiamato yakisugi. Si tratta di una tecnica tradizionale per rinforzare il legno e renderlo più resistente all'acqua e al fuoco. È molto bello, particolarmente quando è invecchiato e sviluppa una patina lucida. Il legno non è sicuramente cosi’ resistente come il cemento, ma secondo il ciclo della natura, raccogliere e ri-piantare gli alberi rende i boschi più rigogliosi. Ci piace molto questo approccio di convivenza, di rinascita, e di uso intelligente dei materiali semplici. Il legno carbonizzato è un materiale in linea con la nostra filosofia, e ci è sembrata la soluzione perfetta per un edificio adiacente al mare.Insieme ai nostri esperti di materiali, ci proponiamo di utilizzare le risorse del legname finlandese nel miglior modo possibile"

In ultimo, ma non in ordine di importanza, gli architetti insistono sulla necessità fondamentale di privilegiare il ruolo dei visitatori del museo "La maggior parte delle persone oggi, quando visitano un museo, sono alla ricerca di un’esperienza unica. L'arte è indubbiamente parte di questa esperienza, ma anche l'architettura deve adempiere il suo ruolo nella creazione di quel momento speciale che il visitatore si aspetta. È per questo che i musei sono così inusuali rispetto ad altri edifici. "

CONDIVIDI
Articolo precedenteReverso by Artemide
Articolo successivoThe Running Magnet 2.0 by Flos