area 119 | gaetano pesce

architect: Gaetano Pesce

location: Messina

year: 2010

1. Un ponte ad “S” per decelerare la velocità e per ricordare l’iniziale di Sicilia.
2. Un ponte sostenuto da 20 piloni quante sono le regioni italiane.
3. I piloni sono di grandi dimensioni in modo da ospitare al loro interno degli spazi espositivi e dei parcheggi.
4. Ogni pilone è rappresentativo di una regione italiana e ne ospita la sua cultura, le sue tradizioni, la sua arte ed i suoi prodotti.
5. Il costo di ogni pilone è sostenuto da una regione.
6. Ogni pilone è progettato da un architetto proveniente dalla relativa regione.
7. La scoperta del ponte consente una mini vista dell’Italia e, cosi concepito, è un’opera che può attrarre visitatori dal mondo intero, con i conseguenti benefici economici.
8. Il ponte può essere uno strumento di promozione dell’immagine dell’Italia nel mondo ed un ritorno energetico per quelle parti del nostro Paese a volte dimenticate.
9. Oltre a quanto descritto, i piloni dovranno anche ospitare degli alberghi, ostelli, ristoranti e tutte quelle infrastrutture necessarie ai visitatori ed alla quantità di personale che ne garantirà la gestione.
10. Il personale che perde il lavoro dall’industria delle navi traghetto dello Stretto potrà essere reimpiegato nelle diverse attività di intrattenimento ospitate nel ponte.

Gaetano Pesce, New York, Marzo 2011

CONDIVIDI
Articolo precedentecontemporary itinerary: Berlin
Articolo successivoPink pavilion