area 119 | gaetano pesce

architect: Gaetano Pesce

year: 2011

“Nel 1994 ho creato a New York un’attività per realizzare vasi ed oggetti con resine poliuretaniche, sviluppando nel corso di anni di duro lavoro e sperimentazione continua uno specifico know how e un originale approccio alla materia. Oggi l’esperienza e la sperimentazione legata all’uso di questi materiali continua con Meritalia, con cui ormai ho una lunga storia di proficua collaborazione; inizio quest’anno a proporre sul mercato una collezione di lampade. Queste, principalmente realizzate in resina poliuretanica, si presentano secondo quattro tipologie: da tavolo, da muro, sospese e da terra. Così Meritalia allarga il suo campo di influenza e diviene un’azienda “pluridisciplinare” i cui prodotti spaziano dal campo degli imbottiti, ai tavoli, alle sedie, ai contenitori, alle forniture ed ora agli apparecchi di illuminazione. La piccola produttrice di lampade che creai nel lontano 1996 e che portava il nome di “Open Sky”, oggi ritorna operosa e si arricchisce con l’esperienza di Vanna e Giulio Meroni e con l’abilità e l’ingegno dei loro collaboratori. Per lei ho pensato un altro nome e d’ora in poi si chiamerà “Edizioni del Pesce” e disporrà al suo inizio di una collezione di sedici modelli, alcuni degli anni novanta ed altri più recenti e dei nostri giorni. Mi auguro che il pubblico accoglierà con favore questa ulteriore prova della volontà di Meritalia di voler rinvigorire il “Made in Italy” e mettere le sue risorse al servizio del progresso del Design”. Gaetano Pesce, aprile 2010

“O sole mio“, metà orologio e metà lampada, è una scultura elegante che misura e abbraccia il passare del tempo e il movimento della Terra in contrasto con quello del Sole. Questo monumentale oggetto a parete racconta il tempo attraverso la relazione dinamica tra un disco solare motorizzato e un percorso di metallo. Esistono due diverse versioni della Sun Clock Lamp – una che si muove sul muro circolarmente e un‘altra che si muove lentamente lungo una sottile barra orizzontale, che permette cambiamenti continui della composizione, dell‘equilibrio e della simmetria del pezzo. Il disco solare, di colore rosso, ha un diametro di circa 38 cm ed è fatto di una flessibile resina traslucida. Dietro a questo disco sono posizionate 14 piccole lampade alogene con diversi gradi di intensità. Quando sono accese, la luce brilla attraverso il disco solare, con un effetto “corona“: più scuro al centro, più chiaro ai bordi. Regolabile tramite telecomando, la luce può essere impostata su una intensità desiderata, fino a 300 watt. Un microchip consente alla lampada di sincronizzarsi con il sole sia giornalmente che stagionalamente. Situata tra l‘oggetto funzionale e quello metaforico, la semplicità e il dinamismo della Sun Clock Lamp la rende un‘opera d‘arte senza tempo. Come in ogni progetto di Gaetano Pesce il rapporto tra funzione e forma anima la creazione. Unendo indagine poetica, nuove tecnologie e materiali innovativi, Pesce ha creato un pezzo straordinario e innovativo. 

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl giullare
Articolo successivoSessantuna