area 130 | gathering places

architect: Giancarlo Mazzanti

location: Bogotá, Colombia

year: 2011

Hope Forest è un centro sportivo nella periferia di Bogotà dove la comunità può praticare diversi sport e può prendere parte a diverse attività ricreative e accademiche che guidano la comunità alla cooperazione.
Questo progetto è stato reso possibile grazie alla fondazione “Pies Descalzos“ fondata dalla nota cantante Shakira e dall’ONG spagnola “Ayuda en Acción“.
Ubicazione: Questo progetto è situato nella provincia di Soacha, Altos de Cazucá. Si trova in un’area fortemente depressa nella quale mancano le infrastrutture pubbliche. Quest’area è nota per i suoi problemi di sicurezza ed è diventata il rifugio di migliaia di persone che sono state scacciate dalle loro città di residenza a causa della guerra. Approccio: Crediamo che il valore dell’architettura risieda non soltanto in sé, ma in quello che genera. Ci interessa produrre azioni, cambiamenti e relazioni; ciò ci permetterà di sviluppare delle forme, dei modelli o delle organizzazioni aperte che hanno un ruolo nella costruzione delle azioni sociali. Forest of Hope è quello che chiamiamo un progetto aperto, un progetto modulare, in grado di espandersi e di adattarsi a situazoni diverse. Consiste in un tendone che è in grado di allungarsi e cambiare a seconda delle circostanze.
Progetto: Il centro sportivo occupa una superficie orizzontale di 1744 m2 ed è formato da una cupola di 700 m2 di struttura spaziale, che rievoca una fila di alberi come simbolo della natura, l’unione nella speranza nell’area di Altos de Cazuca. Le dimensioni del tendone sono di circa 22.7 x 30.8 m, con un perimetro di 138.198 m.
Ogni modulo è un poliedro di 12 superfici, un dodecagono. È un pezzo unico ripetuto più volte per dare forma al tendone del centro sportivo. La struttura a tendone funziona come una trave, appoggiata sui due assi delle colonne. I materiali usati sono rete espansa, tubi di metallo e piastrelle traslucide.

CONDIVIDI
Articolo precedenteNew Vieux Port Pavilion
Articolo successivoFort Werk aan‘t Spoel