area 120 | Beirut

Katia Carlucci: .PSLAB viene fondato a Beirut nel 2004 e ora può contare su un team di circa 100 persone, operative in tutto il mondo, con sedi in Europa e in Medio Oriente. Come è avvenuto il cambiamento?
.PSLAB: Offriamo un servizio personalizzato e ci siamo allargati, a livello internazionale, per poter servire al meglio la nostra clientela in tal senso. La scelta di allargare il nostro team è dettata dall’intenzione di assistere al meglio il cliente, è di fondamentale importanza per noi poterlo incontrare personalmente indipendentemente dal paese in cui si trova. La presenza a livello mondiale è pertanto essenziale, la vicinanza ci permette di capire meglio le esigenze del nostro cliente internazionale. È nostra intenzione continuare ad espanderci, per questo potremmo aprire nuove sedi a Londra e a Bologna.
K.C.: .PSLAB è nato come un’azienda o prima come uno studio di design? Da che tipo di professionisti
è composto il vostro team?
.PSLAB: Non siamo un’azienda che produce soluzioni per l’illuminazione e neppure fornitori. Siamo designer e realizziamo prodotti per l’illuminazione su misura. Offriamo una vasta gamma di servizi che ci distingue dai nostri concorrenti. Il nostro team è costituito da persone con background diversi, ci sono artigiani, architetti, tecnici, esperti di comunicazione, ingegneri e designer. La squadra dei creativi e quella dei tecnici lavorano fianco a fianco in ogni progetto e per tutte le fasi di sviluppo del prodotto, dal concept alla effettiva realizzazione. Disegniamo i nostri prodotti a marchio .PSLAB, questi vengono quindi realizzati direttamente nella nostra fabbrica dal nostro team di artigiani, le cui finiture, eseguite a mano, sono ben riconoscibili su ogni prodotto. Con un ufficio a Beirut e uno a Stoccarda, un rappresentante a Bologna e partner a Londra e in Scandinavia, il nostro team riunisce persone
da tutto il mondo.
K.C.: Collaborate con designer o architetti esterni?
.PSLAB: Ogni progetto sul quale abbiamo lavorato è il risultato diretto di una collaborazione tra .PSLAB e l’architetto/designer dello spazio. Quando lavoriamo su un luogo, cerchiamo insieme di trovare il miglior concetto di illuminazione che si armonizzi con la natura e le caratteristiche dello spazio. Tutto viene realizzato in-house, perfino le pubblicazioni, e tutto con una minuziosa attenzione per i dettagli; ciò ci permette di avere un maggior controllo sull’intero processo e di rispondere al meglio alle esigenze del cliente.
Tale modus operandi è inoltre sinonimo di qualità e ci aiuta a monitorare la capacità comunicativa del marchio e la sua crescita. In quanto designer e produttori di soluzioni per l’illuminazione su misura, seguiamo un approccio “al progetto”, una scelta che ci caratterizza come team. L’approccio in questione prevede che venga offerto al cliente un servizio completo, che va dal creare un design unico che si basi sulle caratteristiche dello spazio, fino a una vera e propria collaborazione con il cliente stesso, che riguarda tutti gli aspetti del progetto, dal concept alla costruzione vera e propria.
Mentre procediamo all’identificazione delle soluzioni migliori per un determinato spazio, ci capita spesso di collaborare con designer e architetti, questi appoggiano il nostro approccio poiché sanno apprezzare il dialogo diretto e riconoscono il valore aggiunto apportato dal marchio.
K.C.: .PSLAB offre un approccio progettuale all'illuminotecnica. Che cosa comporta questo approccio?
.PSLAB: L’approccio ”al progetto” rappresenta appieno ciò che siamo e quello che facciamo al .PSLAB. Dopo aver instaurato un dialogo aperto con il cliente, il nostro team di creativi procede all’elaborazione di un progetto specifico, che si inserisca al meglio nello spazio dato e incontra le esigenze del cliente. Il prodotto finito risulterà funzionale, di grande impatto visivo e perfettamente in armonia con lo spazio in cui si inserisce.
Questo tipo di processo ci ha permesso di instaurare un rapporto duraturo con molti dei nostri clienti.
Tale processo ha permesso di sviluppare collaborazioni costanti con molti dei nostri clienti. A .PSLAB, abbiamo inoltre una biblioteca completa di tutti i nostri prodotti degli ultimi sei anni e che costituiscono gli ingredienti di approccio ad ogni progetto, alla base della nostra creatività. A seconda dello spazio, delle sue caratteristiche e esigenze, potremmo consigliare ai nostri clienti un approccio concettuale diverso, creato grazie a un mix di prodotti esistenti e/o personalizzati. Anche se un determinato prodotto di illuminazione puo essere utilizzato in più di un progetto, linee guida rigorose garantiscono l'unicità dell’idea.
K.C.: Rappresentate una realtà multi-settoriale e dinamica, come si sviluppano le varie fasi di elaborazione di un progetto?
.PSLAB: Anche se esiste una struttura a cui ci atteniamo, tutti i progetti di cui ci occupiamo sono unici e alimentano la nostra creatività. Tutti i dettagli, dal concept agli aspetti più tecnici, sono importanti per la realizzazione di un progetto; cerchiamo di recarci sul sito ogni volta che ci è possibile per studiare lo spazio e benché non ce ne occupiamo personalmente, supervisioniamo le fasi d’istallazione e forniamo alcune indicazioni guida.
Ogni progetto viene realizzato in tre fasi:
Design: questa è la fase che segna l’inizio del processo creativo. Lo scopo è quello creare una prima bozza di design, che il nostro team di creativi, guidato da un dialogo diretto e costante con il cliente, svilupperà fino a farla diventare un vero e proprio concept che si adatti allo spazio previsto e sia in linea con le richieste del cliente.
Pre-Produzione: in questa fase viene definito il prodotto e si elaborano i dettagli tecnici, compreso il coordinamento in loco prima di dare inizio alla produzione. Produzione e Consegna:
tutte le parti coinvolte nel progetto si coordinano prima di dare inizio alla produzione dei prodotti definiti alla fase 2.
K.C.: Parlando di materiali, quali preferite? Ci sono materiali che si adattano meglio di altri alle vostre creazioni?
.PSLAB: In passato abbiamo utilizzato l’alluminio, l’acciaio inossidabile e non, l’ottone, il rame, tessuto e vetro. Ogni progetto è inserito in uno spazio nuovo, con caratteristiche uniche, quindi anche i materiali dipendono dal tipo di progetto e dall’ambiente in cui ci si trova a lavorare.
K.C.: Come contribuite al risparmio energetico?
.PSLAB: Quando il progetto richiede un risparmio energetico, siamo soliti creare soluzioni apposite in cui vengono utilizzati sistemi d’illuminazione a basso consumo. La nostra scelta del tipo di fonte dipende poi dallo spazio nonché dalle preferenze del committente.
K.C.: La vostra collezione di lampade, tra cui vi sono anche prodotti realizzati su commissione, è stata creata per ambienti specifici?
.PSLAB: Il marchio .PSLAB riflette l’approccio che abbiamo nei confronti dei nostri progetti. Offriamo ai nostri clienti un servizio completo, elaboriamo un design unico basato sulle caratteristiche dello spazio in cui si inserirà, lavoriamo fianco a fianco con il cliente curando ogni aspetto del progetto, dal concept alla effettiva realizzazione.
Tutti i nostri progetti, tutti i nostri strumenti di comunicazione riflettono tale modo di procedere.
Creare soluzioni a misura dello spazio in cui si inseriranno, fa sì che ogni progetto possa vantare un dispositivo o un prodotto per l’illuminazione nuovo, unico, pensato per quello spazio solamente e non riutilizzabile quindi in progetti diversi.
K.C.: Ci parli di alcuni dei vostri progetti. Quali sono quelli che amate maggiormente?
.PSLAB: Le nostre creazioni si possono ritrovare in residenze private a Londra, in gallerie d’arte a Berlino, ristoranti a Beirut, hotel in Francia, concept store ad Anversa, in occasione di eventi e in spazi pubblici di tutto il mondo. Ogni progetto rappresenta una nuova sfida e per ognuna di queste viene creato qualcosa di specifico, che si adatti allo spazio in cui si colloca, ogni volta viene elaborata una soluzione tenendo in considerazione tutti i limiti che il sito impone. Per noi ogni progetto è unico e non può essere paragonato ad altri. Iris, Beirut. Ci è stato chiesto di creare per questo bar e ristorante panoramico, un sistema d’illuminazione personalizzato. Nell’arco di pochi mesi, il nostro team ha ideato una serie di interventi che conferiscono a questo spazio un carattere e un’atmosfera nuovi e ben riconoscibili.
Maison Thoumieux, Parigi – Boutique Hotel.
La nostra attenzione, in questo spazio specifico, si è concentrata sul rapporto tra osservatore e luce creato dalla struttura della lampada, una scelta in grado di conferire al luogo un carattere ben definito e di stimolare nell’osservatore la curiosità per il prodotto.
Barbican Food Hall & Lounge, Londra – Centro artistico polifunzionale e per conferenze.
Il concept da noi elaborato era destinato alla Food Hall, ovvero alla zona ristorante, è stato tuttavia adattato, tramite l’utilizzo di strutture differenti, in tutti i diversi ambienti. Graanmarkt 13 – Food Hall & Lounge, Anversa.
Uno dei vecchi mercati del grano di Anversa, ormai in disuso, è stato trasformato in una residenza dal carattere innovativo, che è anche negozio, galleria d’arte e ristorante. Abbiamo illuminato Graanmarkt 13 con una serie di luci che rispecchiano il carattere dell’edificio, adattandole alle caratteristiche architettoniche di questo.
Monte Carlo Beach Hotel, Monaco.
Per gli spazi che costituiscono l’ingresso del Monte Carlo Beach, moderno boutique hotel di Monaco, abbiamo cercato di creare prodotti per l’illuminazione dal carattere romantico e stravagante.
Ristorante Pierluigi, Roma. Uno degli ultimi progetti da noi realizzati in Italia.
K.C.: A che progetti state lavorando ora?
.PSLAB: Alcune residenze A Londra, Beirut, in Marocco, negli Emirati Arabi e in Oman. Un ristorante-bar in Beirut, un hotel in Francia, un hotel e un edificio negli Emirati Arabi e un centro commerciale in Kuwait.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBenessere a colori
Articolo successivoKoukjian jewelry