area 122 | sustainable way

architect: JB Ferrari & Associés

location: Prilly, Switzerland

year: 2011

A fronte dell‘imminente ristrutturazione del suo storico “castello“ risalente al XVII secolo, e della necessità di centralizzare diversi uffici amministrativi sparsi sul territorio, alla fine del 2007 la città di Prilly ha indetto una gara d‘appalto per un progetto architettonico. La giuria è stata sedotta dalla qualità urbanistica della proposta vincitrice, in particolare dalla creazione di una nuova piazzetta, ricavata grazie all‘abile collocazione dell‘ala amministrativa.
Oggi il “castello“ può riappropriarsi della sua passata gloria, liberato dalle molteplici, eclettiche trasformazioni subite nel corso dei secoli. La torre è adibita ad attività socio-culturali rivolte all‘intera comunità cittadina, mentre i nuovi, generosi volumi dell‘ala “Bernois“ riconfigurata ospitano attualmente una caffetteria e sale per congressi e riunioni.
Un ponte trasparente collega i piani superiori del nuovo edificio, offrendo all‘osservatore uno sguardo sulle attività che si svolgono al suo interno.
Al piano terra, uno stretto sentiero guida il pedone fra i due edifici verso la piazzetta retrostante. La nuova costruzione è volutamente moderna e sobria, e siede modestamente accanto al suo corrispettivo storico: i due edifici convivono, liberi di esprimere l‘architettura delle rispettive epoche. Un nuovo fabbricato, prevalentemente aperto, contrasta con l‘introversione del “castello“: la percezione di sicurezza offerta dalla pietra tradizionale svanisce nella nuova sede, lasciando il posto a un involucro costruttivo trasparente, sottile allusione agli ideali della moderna amministrazione cittadina. Una matrice profonda in cemento prefabbricato colorato filtra e incornicia la vista da e verso l‘interno. L‘accentuata profondità della facciata è una risposta ai poderosi muri del suo vicino seicentesco. La composizione, apparentemente astratta, serve a mascherare le linee strutturali rigorosamente verticali, e ad alloggiare un‘ordinata teoria di finestre a tripli vetri fisse e apribili, alternate a lamiere perforate d‘acciaio anodizzato color bronzo, che arricchiscono la composizione nascondendo un isolamento termico di 25 cm. Alcuni pannelli sono ornati con lo storico stemma di Prilly, che evoca temi araldici legati all‘architettura dei castelli e conferma la chiara identità locale dell‘edificio. Persiane esterne orizzontali completamente automatizzate sono collocate all‘interno della struttura prefabbricata, offrendo agli utenti un controllo ottimale sul proprio ambiente. La facciata altamente performante che ne risulta non solo risponde ai rigorosi criteri del marchio Suisse Minergie, ma offre all‘edificio un aspetto degno della sua funzione quale fulcro amministrativo e municipale della città.

CONDIVIDI
Articolo precedenteHotel Surazo
Articolo successivoTexel Maritime Museum