New dwelling house for students

153 | out of the ordinary living

progettista: HARQUITECTES, DATAAE

luogo: Sant Cugat del Vallès, Barcelona

anno: 2011

La nuova residenza studentesca è collocata nello stesso campus dell‘Università di Architettura (ETSAV), in un‘area residenziale a bassa densità abitativa a Sant Cugat del Vallès. Il concorso, bandito dall‘ETSAV in collaborazione con UPC, prevedeva tre ambiziosi requisiti: costruire un complesso residenziale per gli studenti di architettura, rispettare i criteri per la certificazione energetica svizzera Minergie (consumi inferiori a 38 kwh/mq) e utilizzare un nuovo sistema di industrializzazione edilizia (EMI System di Compact Habit). La posizione del nuovo fabbricato è intesa a mantenere un equilibrio tra gli edifici esistenti e gli spazi esterni, privilegiando il rapporto diretto tra unità abitative e campus al piano terra, nell‘intento di promuovere l‘uso delle aree all‘aperto e dei percorsi orizzontali, adattati e privi di ascensori.

La topografia esistente e la configurazione in due blocchi paralleli rafforza la comunicazione tra il complesso e il piano terra, creando un grande atrio centrale dove, come in un salotto, si svolge la vita di comunità. Questo nuovo spazio regala inaspettatamente alla residenza studentesca e al campus 1.000 metri quadri aggiuntivi di spazio condiviso. Lo sviluppo del progetto consente di immaginare l‘instaurarsi di rapporti profondi tra gli utenti, grazie alla flessibilità delle unità abitative, e di relazioni collettive, poiché l‘atrio centrale può essere utilizzato come spazio per eventi sociali.

Ben presto ci siamo resi conto che non era necessario definire la tipologia di unità poiché, studiando, utilizzando gli spazi e maturando nel corso gli anni, sono gli stessi utenti a trovare modalità per sfruttare al massimo i 40 metri quadrati disponibili. La nostra proposta vuole esplicitare il meno possibile la configurazione dell‘unità, rispettando i criteri di abitabilità e offrendo solo gli elementi previsti per legge. L‘obiettivo è pertanto quello di non rifinire completamente l‘abitazione, aprendo così la strada a nuove opportunità: maggiore libertà per gli studenti di architettura nel personalizzare gli spazi, risparmi consistenti sui costi per le rifiniture reinvestiti nell‘efficientamento energetico e una concezione più realistica e pedagogica dell‘edilizia.

luogo: Sant Cugat del Vallès, Barcelona
architetti: HARQUITECTES (David Lorente, Josep Ricart, Xavier Ros, Roger Tudó) DATAAE (Claudi Aguiló, Albert Domingo)
collaboratori: Aleix Enguix (aparejador), ÀBAC enginyers (instalaciones), Societat Orgànica (consultoria medioambiental), DSM arquitectes (estructura)
promoter: UPC/UTE Compact Hàbit i Constructora d‘Aro
realizzazione: 2009-11
superficie costruita: 2.400 sqm
costruttore: Constructora d‘Aro
websites: www.harquitectes.com www.dataae.com

Momofuku Ando Centre

Volevamo realizzare una struttura architettonica simile a un lungo bastone costituito da un unico tetto “libero“ allungato nella foresta sotto il quale si possono svolgere varie attività, come fare esercizio…

Elderly Person‘ Residence

Situato a Cascais, nell‘area metropolitana di Lisbona, il complesso di edilizia popolare di Alcabideche occupa una superficie di circa 10.000 mq e mira a ricreare uno stile di vita mediterraneo…

Kitasenzoku Apartment

“Traendo ispirazione dalla Silicon Valley negli Stati Uniti, vorrei realizzare un edificio modello vicino al Tokyo Institute of Technology, creando e sviluppando un polo sinergico per l‘università, le imprese e…

area 153 – out of the ordinary living

presentazione/introduction The landscape of inhabiting text by Marco Casamonti editoriale/editorial New Times, New Challenges, New Housing text by Avi Friedman scenari di architettura/architectural scenario ANMA/Les Bassin à Flot Housing – text by ANMA…

Pubblica i tuoi commenti