samoLa Regione Veneto ha rilasciato al Gruppo Samo il Certificato per l’Audit famigliaelavoro, importante riconoscimento dato alle aziende che si distinguono per una politica aziendale attenta alla famiglia che incide in modo positivo sull’organizzazione e sull’aumento dell’efficienza. Samo è stata l’unica azienda veronese ad aver raggiunto quest’obiettivo, insieme ad altre sette imprese venete. Il Veneto è la prima regione in Italia ad aver ottenuto la licenza d’uso del modello tedesco “Audit Famigliaelavoro” con l’obiettivo di promuovere azioni mirate alla valorizzazione e al sostegno della famiglia nella realtà sociale. La famiglia, infatti, ha un ruolo sociale e svolge una funzione educativa, di cura e assistenza che può essere definita primaria, inoltre è un soggetto che sta nel mercato, produce e consuma reddito. La consegna è avvenuta lo scorso aprile per mano dell’Assessore ai Servizi Sociali Dott. Remo Sernagiotto in occasione del convegno “Famiglia. E’ tempo di bilancio” tenuto presso l’Università Cà Foscari di Venezia dalla Regione Veneto con l’Assessorato ai Servizi Sociali. Il riconoscimento internazionale è avvenuto al termine di un processo di valutazione svolto da tre auditrici specializzate, che hanno definito misure migliorative per la conciliabilità famiglia e lavoro che saranno monitorate per un triennio. Alcuni dei campi analizzati sono stati la corretta comunicazione e informazione del tema conciliazione, che ha portato all’apposita creazione del logo d’informazione “Samo Industries village”, la competenza dirigenziale, il pacchetto di servizi e benefits a favore del personale e delle loro famiglie.  “Samo ha sempre creduto ed operato nella direzione di un forte radicamento nel proprio territorio con concrete iniziative aziendali che pongono al centro le risorse umane – afferma Diana Venturato, responsabile del progetto per Samo – Il recente riconoscimento ne è un’alta espressione, come il brindisi inaugurale delle nuove sale ristoro per i dipendenti volutamente effettuato dai rappresentanti sindacali interni. L’intento ambizioso è di costituire sul territorio una rete di enti e imprese orientate ad un equilibrio durevole e sostenibile tra gli obiettivi dell’azienda e gli interessi dei collaboratori e collaboratrici.”