Lo scorso maggio, presso la prestigiosa location delle serre di villa del grumello sul lago di Como, si è svolto un evento espositivo nel quale lo showroom aquarelle ha proposto alcune linee di eccellenza. Tra queste c’era d line, azienda danese leader a livello mondiale per la produzione e fornitura di prodotti di design in acciaio aisi 316. In quell’occasione abbiamo incontrato Sergio Grazioli, regional manager per il sud europa.

“Siamo piegatori di tubi, ma li pieghiamo bene”, esordisce Sergio Grazioli che spiega la vision dell’azienda: rendere più semplice la vita attraverso il design. E per Grazioli il successo passa dallo showroom. “Il nostro principale target di riferimento è l’architetto, il brand d line nasce per lui. E lo cerchiamo attraverso lo showroom, un importante canale che scegliamo a seconda delle capacità di interloquire con il progettista. Infatti, sono le persone del punto vendita e la loro capacità di trasmettere la storia di un brand, di coinvolgere il cliente l’elemento chiave per il successo nella vendita dei nostri prodotti e per stabilire solide collaborazioni. Come con Aquarelle di Como, che ha proprio un approccio di questo tipo”. d line organizza anche momenti di formazione per il personale dello showroom, proprio per istruirlo sulla modalità più efficace di comunicare l’essenza del brand e raccontare l’emozione correlata al prodotto, possibile solo attraverso l’esperienza sensoriale diretta.

una buona partnership

L’organizzazione ad hub permette alla multinazionale di soddisfare in modo efficace il mercato mondiale, affiancando progettista, tecnico e utente finale. “Siamo buoni partner che possono garantire qualità di prodotto e di servizio grazie a un’organizzazione solida, presente a livello internazionale con propri uomini e un post vendita attento al cliente. Da soli si può vincere una volta e perdere un’altra. Ma insieme si vince in modo costante”. Così Grazioli comunica il suo entusiasmo verso la sinergia di d line con showroom e altre aziende di posizionamento e filosofia commerciale similare. La garanzia funzionale di 20 anni che denota la sicurezza del prodotto è un ulteriore punto di forza che mostra quanto l’azienda punti sulla robustezza e durevolezza della propria proposta. raffinatezza e funzionalità I prodotti d line si dividono nella linea Hardware, che contempla maniglie, pomoli, chiudiporta, fermaporta, maniglioni e ganci, e la linea Bathroom, con accessori per il bagno tra cui portarotolo, portasciugamani, portasapone e pannelli ad incasso polifunzionali washroom. La coerenza formale permette di uniformare esteticamente l’abitazione, dalla porta d’ingresso fino all’interno del bagno, con un continuum armonico delle forme.Il design è di Knud Holscher. “Il raggio di curvatura interno è sempre uguale al diametro del tubolare, una scelta estetica che connota il design del prodotto e che permette l’assenza di grinzature e compromissioni per l’acciaio”. Ecco il segreto del pregio legato alla lavorazione dell’acciaio AISI 316 con fi nitura lucida oppure satinata e con diametri da 14, 16 e 19 mm, raccontati dalla voce del Regional Manager di d line che prosegue: “Siamo orgogliosi di essere ancora artigiani, la satinatura infatti avviene a mano, dopo almeno due anni di formazione del personale produttivo. Si tratta di un’eccellenza che garantisce qualità ed esclusività”.

design per tutti 

Nella linea Bathroom verrà presentata entro il 2013 una nuova serie dedicata alla disabilità. “Siamo fieri – dice Grazioli – di proporre soluzioni che per la prima volta portano il design in questa categoria di prodotti. Studiati anche per il mercato residenziale e per le esigenze delle persone anziane, hanno un chiaro concetto di modularità, creando armonia di forme, dal braccio basculante al sedile per la doccia”. Inoltre, per arrivare a coprire anche il mercato di fascia più bassa l’azienda ha inserito nella sua proposta la linea BASE by d line, in acciaio Inox 304.

l’attenzione all’ambiente

d line è un’azienda dall’animo green: l’acciaio è totalmente riciclabile, anallergico e non ha emissioni. L’azienda ha addirittura scelto di rimuovere dalla sua offerta prodotti che comportavano un certo inquinamento, come la colorazione bianca per uno degli scopini.