Kitasenzoku Apartment

153 | out of the ordinary living

progettista: Tomoyuki Kurokawa Architects

luogo: Ota-ku, Tokyo

anno: 2015

“Traendo ispirazione dalla Silicon Valley negli Stati Uniti, vorrei realizzare un edificio modello vicino al Tokyo Institute of Technology, creando e sviluppando un polo sinergico per l‘università, le imprese e le città vicine“. Questo desiderio, espresso da un committente, è stato realizzato progettando e costruendo un complesso architettonico nei pressi dell‘università dove trovano posto uffici per l‘azienda del cliente, unità abitative per studenti con camere in condivisione e residenze per lo staff e lo stesso cliente.

photo by Takumi Ota

Il sito è collocato nel distretto dello shopping, non lontano dall‘università. L‘atrio d‘ingresso fiancheggia la strada e si affaccia sulla città, creando uno spazio aperto che può essere utilizzato come sala conferenze dagli studenti o ritrovo informale per qualsiasi abitante del posto. Anche il corridoio comune che parte dall‘atrio è stato progettato come un prolungamento della strada e per questo è dotato di panchine, punti luce e piante che ricreano l‘atmosfera di una via cittadina. Sul corridoio si apre un altro spazio utilizzato in condivisione dagli studenti, dove si respira un clima informale e accattivante anche per i membri dello staff.

photo by Takumi Ota

La finitura della parete in lavagna bianca consente di scrivere sul muro, incentivando un confronto quotidiano e privo di formalismi tra studenti e personale. È inoltre previsto uno spazio riservato agli studenti separato dal volume a forma di tunnel dietro la scala. La forma dell‘edificio è il risultato di calcoli che hanno tenuto conto delle norme sulle distanze e sulla proiezione di ombre, mentre il volume del fabbricato è stato dettato dalle esigenze di residenti e utenti in termini di aree e spazi. Di conseguenza, i balconi si presentano come vuoti tridimensionali creati dall‘incontro di questi due criteri progettuali. Malgrado i balconi possano essere condivisi anche dai residenti attraverso aperture, che tuttavia permettono di mantenere la privacy, la cifra tridimensionale non si scompone in vuoti nettamente distribuiti e riservati a una specifica unità abitativa. Il volume prominente dell‘edificio nel contesto urbano circostante non ha un fronte e un retro chiaramente distinguibili. La percezione del suo ingombro viene mitigata grazie al senso di apertura che promana dai vuoti presenti a tutti i livelli del fabbricato. L‘obiettivo del progetto era quello di realizzare un edificio incentrato sui rapporti tra persone ovvero tra l‘edificio stesso e l‘ambiente urbano. Ci auguriamo che il risultato contribuisca a sviluppare un‘intima comunicazione tra il committente e i residenti, tra gli abitanti del complesso e persino tra gli studenti e il resto della cittadinanza.

architettura: Tomoyuki Kurokawa Architects
luogo: Ota-ku Tokyo
completamento: 31 luglio 2015
uso principale: residenza collettiva
struttura: cemento armato
area lotto: 145,78 mq
area edificio: 97,72 mq
area totale: 490,07 mq(97,55 mq piano primo, 84,31 mq secondo piano, 89,18 mq terzo piano, 85,93 mq quarto piano, 76, 37 mq quinto piano, 56,73 mq sesto piano)
ingegnere strutturale: Kinoshita
ingegnere strutturale:
ingegnere meccanico: EOS plus/YMO
finiture esterne: cemento a vista
pavimenti: legno
muri: carta da parati
soffitti: carta da parati
fotografie: Takumi Ota

Momofuku Ando Centre

Volevamo realizzare una struttura architettonica simile a un lungo bastone costituito da un unico tetto “libero“ allungato nella foresta sotto il quale si possono svolgere varie attività, come fare esercizio…

Elderly Person‘ Residence

Situato a Cascais, nell‘area metropolitana di Lisbona, il complesso di edilizia popolare di Alcabideche occupa una superficie di circa 10.000 mq e mira a ricreare uno stile di vita mediterraneo…

New dwelling house for students

La nuova residenza studentesca è collocata nello stesso campus dell‘Università di Architettura (ETSAV), in un‘area residenziale a bassa densità abitativa a Sant Cugat del Vallès. Il concorso, bandito dall‘ETSAV in…

area 153 – out of the ordinary living

presentazione/introduction The landscape of inhabiting text by Marco Casamonti editoriale/editorial New Times, New Challenges, New Housing text by Avi Friedman scenari di architettura/architectural scenario ANMA/Les Bassin à Flot Housing – text by ANMA…

Pubblica i tuoi commenti