Hotel Barceló Torre de Madrid

151+ | custom-made

progettista: Jaime Hayon

luogo: Madrid, Spain

anno: 2017

Intriso di riferimenti storici e culturali spagnoli, lo studio Hayon ci conduce in un viaggio per immagini attraverso il passato del paese, mescolando dettagli architettonici che rievocano gli archi romani ma anche i colori e le finiture-gioiello che rimandano al mondo arabo, ai Mori, influenze che hanno contribuito a rendere la Spagna così bella. I rimandi al passato sono affiancati da un design elegante, che racchiude in sé la grandeur del passato e un approccio moderno, in cui si dà risalto alla luce naturale, in cui ogni spazio è arredato con i migliori nomi del design europeo, perfettamente illuminato e in cui la gamma di colori degli arredi riflette la ricchezza e il calore stesso del paese.

photo by KlunderBie

photo by KlunderBie

Ogni ambiente condiviso e ogni atrio dell’hotel è popolato da piccole sculture, maschere, da personaggi che scaturiscono dalla fervida immaginazione dei membri dello studio Hayon. Le opere d’arte incorniciate sono state commissionate allo studio Klunderbie, che ha realizzato una serie di fotografie in cui uniscono tra loro soggetti tipicamente spagnoli come il torero, il vestito per flamenco, le palme e altri emblemi ed icone culturali del paese.Gli arredi e le luci sono frutto di numerose collaborazioni con alcuni dei più grandi marchi del design e dell’arredamento.

photo by KlunderBie

photo by KlunderBie

Le stanze sono dunque arredate con pezzi di Fritz Hansen, &Tradition, Gubi, Arflex, Cassina, BD Barcelona, con lampade Parachilna e molto altro; ogni pezzo parla lo stesso linguaggio, dal punto di vista del design, e nasce dalla volontà di numerosi artigiani, che hanno messo a disposizione di questi interni straordinari la propria esperienza. Ogni angolo dell’hotel è stato attentamente progettato per dar vita a una vignetta, che bilancia l’estetica sofisticata con il comfort e il lusso. Le curve dei divani e delle sedie, la fine eleganza delle luci, la sontuosità dei colori, la verve e l’umorismo dei dettagli decorativi sparsi in tutto l’hotel, mettono in mostra quell’ingenuità, che è la firma di Hayon, ai massimi livelli.

architects: Hayonstudio
type: renovation
location: Madrid, Spain
year: 2017
contract suppliers: Fritz Hansen, &Tradition, Gubi, Arflex, Cassina and BD Barcelona

Mandarin Oriental Hotel

Il progetto ha previsto il recupero di quattro edifici storici di una strada marcatamente milanese, con caratteri e vicissitudini molto diversi, per rivelare uno spaccato della Milano “interna” molto particolare….

R·torso·C

“Vogliamo un’architettura caratteristica, con una finitura di cemento a vista, che sia anche responsabile dal punto di vista ambientale”. photo by Toshihiro Sobajima Nel rispetto di tali parole del cliente,…

Airbnb

Lo studio Threefold Architects ha terminato la nuova sede britannica di Airbnb, che si colloca a Londra, nell’area di Clerkenwell, all’interno di un vecchio deposito. Il progetto vuole esprimere al…

Winter Cabin

La sfida è quella di installare costruzioni reali, rifugi in scala 1:1, su siti remoti, esposti a condizioni atmosferiche estreme, a variazioni termiche radicali, alla neve e su terreni accidentati….

area 151+ custom-made

presentazione/introduction Custom-made Objects made to measure text by Laura Andreini interviste/interviews Emotional spaces a dialogue with Karim Rashid interview by Laura Andreini Artisans without limits a dialogue with Riva1920 interview by Laura Andreini…

Songpa Micro-Housing

Quello della densità urbana e del costo dell’edilizia residenziale è un problema di portata globale. Se da un lato vanno aumentando tipologie abitative di piccole dimensioni, dall’altro il fenomeno delle…

Paco

Paco è una scatola cubica di 3x3x3 metri, dotata di un “coperchio” che si apre a un’angolazione specifica. Si pone a metà strada tra l’architettura e un elemento d’arredo; è…

area 151 – microarchitecture

presentazione/introduction Small works text by Marco Casamonti intervista/interview Microarchitecture and minimal habitat a dialogue with Michele De Lucchi interview by Laura Andreini letture critiche/critical lectures Microarchitecture or macrodesign? Temporary Italian design for emergency text…

Pubblica i tuoi commenti